Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
LIBRI - RECENSIONI



LA MERCA

LA MERCA

Nell’opera poetica “Coro da l’acqua per voce sola”, Tommaso Ottonieri prendeva direttamente la grammatica dal corpo dell’acqua, dopo aver visto e sentito l’acqua, e dopo averla Analizzata per farla divenire germe di sperimentazione; Chiara Daino (nonostante la matematica c’entri nulla) con La Merca (Fara Editore) raggiunge le stesse vette, riuscendo a sbriciolare la lingua italiana, a tratteggiarla (davvero), e infine a farla diventare funzionale più che alla sperimentazione in quanto tale al corpo del suo romanzo d’esordio, ovvero al corpo della protagonista della storia e di chi quell’intorno glorioso, glorificato dalla strafottenza del mangiare per vomitare (se non il contrario o il non mangiare per bere).
Massimo Sannelli, che di “sperimentazioni” se ne intende tanto, ha trovato parole attende e precise, per definire quasi un testo estremo e principalmente la scrittura che contiene: “Voi sapete cos’è La Merca? E’ un marchio. (…) L’autore piega la vecchia lingua grassa, per sondare le vecchie piaghe / pieghe di una realtà vissuta e taciuta”. Quando parla della storia in sé, Sannelli presenta così il romanzo breve della Daino: “(…) è il mondo stesso a soffrire come un disturbo l’esistenza di Jenny; e la malattia di Jenny, se è tale, è solo questo mondo”. Neologismi e contaminazioni, inoltre, anzi essenzialmente, è verissimo, nutrono le vite dei protagonisti di vicende che sanno di “malattie alimentari” e non solo. Vicende personali che in certi casi fanno sentire la voce del moralismo che si abbatte nella quotidianità “malata” oppure spensierata e urticante di questa bellissima Jenny; accattivante, tanto da fare perdere la testa e spingere il maschio – maschio a mettere in funzione semplicemente e solo gli organi genitali, magari prima e/o dopo aver sputato sul comportamento della stessa donna con la quale vanno ad “ammore”. E’ quando Jenny aspetta solamente questo, il maschio si trasforma e dice di poter dare altro, sostegno, spalle forti. Che sono anche bugie.
Chiara Daino, giovane ragazza nata nel 1981 a Genova, è attrice teatrale, oltre che songwriter, traduttrice e naturalmente autrice. Questo suo primo romanzo mette chi legge davanti a prove dure e attraenti, dove il dire si impasta al procedere delle ambientazioni e dei non luoghi, quando certamente la linea spezzettata (per volontà della stessa Daino) aggancia gli occhi di depressioni e bevute singole. Le ubriacature e le scopate Frugali di Jenny fanno testimoniano una condizione che si aggira fra il malessere individuale e lo stato di grazia mentale; checché ne dicano i perbenisti che razzolano e vagano oltre i confini di una Jenny che ora prende tutto il cibo che trova e a volte tutto lo rifiuta. Alla fine non esiste via d’uscita. Ed è il finale più bello che si potesse pensare.
Tocchi di letteratura nordamericana (anche gocce di Lee Master) di grande pregio scorrono nelle pagine. Alcuni passaggi arrivano addirittura a lasciare a bocca aperta, come questo pezzo di pag. 17: “Le due attraversarono, senza pentirsi dei propri crimini, il corridoio muto e minaccioso del penitenziario: braccio della morte. Miglio verde bile. Scesero lo scalone: modelle pronte alla sfilata, bestie pronte alla parata. Niente camici bianchi, niente pazienti in attesa, di guarire o morire, smettere di morire o iniziare a schiattare. Solo un foglio, ceruleo tinto, di block notes, sputato sulla porta dello studio: Jenny lo stacco e lo lesse ad alta voce. (…) Nel mausoleo di alieni nascosti alla società, un semplice ritaglio di carta è la chiave della sommossa, la lima nella torta di una normativa contorta”. Dentro e fuori dalle cliniche, e dalle gabbie di tutti i tipi. Ed è solo l’inizio, il resto è un crescendo.

Fonte: http://www.kultvirtualpress.com/articoli.asp?data=383

Nunzio Festa
ChiaraDaino.it © 2011

RECENSIONI

L
Massimo Sannelli
AL PUBBLICO NEMICO
Roberta Robertah
DUDELEI [MUSICA DA STRAPAZZO]
Massimo Sannelli
SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Giacomo Parretti
Giuseppe Vuolo I
Giuseppe Vuolo II
Heiko H. Caimi [ENG]
Heiko H. Caimi [ITA]
Jacopo Riccardi
Massimo Sannelli
Ugo Polli
L
Daniele Assereto
Flavio Santi
Giorgio Panci I
Giorgio Panci II
Giuseppe Vuolo
Lucetta Frisa
Marco Ercolani
LUPUS METALLORUM
Jacopo Riccardi
METALLI COMMEDIA
Alberto Mori
Daniele Assereto
Enzo Campi
Francesco Sasso
Max 1334
Stefano Guglielmin
VIRUS 71
Daniele Assereto
Enzo Campi
Francesco Marotta
LA MERCA
Adriano Padua
Adriano Padua
Chiara De Luca
Claudio Bocchi
Cristina Babino
Daniele Assereto
Elena Ricciardi
Enrica Musio
Giuseppe Vuolo
Leela Marampudi
Marco Ercolani
Nunzio Festa
Rossano Astremo
Vincenzo D'Alessio