Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
LIBRI - RECENSIONI



L'ERETISTA

L'ERETISTA

Alloggio di Pascàl, via Trebisonda 29, Genova, ore 19.37


«Anche io so tenere un compasso in mano, ma non per questo mi definisco geometra!»
Ci sei riuscita. Ci sei riuscita davvero, Milla. Il tuo romanzo è finalmente uscito in libreria, pubblicato dalla Sigismundus Editrice, ed è un vero e proprio spettacolo. Uno spettacolo per gli occhi e per la mente: a cominciare dalla copertina, firmata all'artista Degen Barden [autore tra l'altro anche dello splendido trailer promozionale del libro], che introduce il fortunato lettore nel mondo che sei riuscita a raccontare con parole semplici e dirette, chiare e disilluse, colme di metafore ma giammai pretestuose.
Ho riso ricordando gli episodi che narri e che ti hanno visto protagonista, ho tremato leggendo capitoli in cui la tua storia si lega indissolubilmente alla realtà del mondo dell'Arte che affronti ogni giorno e di cui denunci le nefandezze e le ipocrisie, ho brindato con te all'Alba che ti vedrà protagonista di tutto quello che meriti. Ho sperato che fosse un libro senza fine, tanto sono riuscito a perdermi tra le tue pagine e le tue parole.
Ricordi, Milla? Ricordi quanti discorsi fino al mattino sulle realtà italiane, quelle realtà quotidiane che ti straziano l'anima e contro cui continui a lottare? Ricordi quante risate mentre ti raccontavo di quella volta in cui, dopo una gara di Pastis, entrai nel frigorifero della mia cucina? Leggendo la storia che sei riuscita così agilmente a costruire e orchestrare, mi sono tornate alla mente tutte le persone che ho conosciuto in questi dieci anni, da quando ci siamo incontrati per la prima volta a Crevari, sul palco del Tomerc. Ho rivissuto l'allegria con cui passavamo dal dialogare di Pratchett e di Pampero, di Bowie e di Baudelaire, di sushi e di Sheldon, e ho rivissuto immediatamente ogni singolo secondo scomparso. Immergendomi nelle pagine che compongono l'Eretista, mi sono trovato imprigionato in una trama affascinante e ammaliante, colma di colpi di Scena e Sipari scolpiti, che mi hanno trascinato per l'ennesima volta nel tuo mondo e nella tua vita.
Non è facile essere te, non lo è mai stato. Sei solo tu. Tu che non ti limiti a fare, ma che prima di tutto vuoi Essere. E ogni parola, ogni periodo, ogni paragrafo trasmette un'emozione che travalica l'apparenza, trascende la purezza, trasmette la tua appartenenza a quel mondo dell'Arte che è oramai stato dimenticato. Sei sempre stata restìa a voler imparare qualcosa che sapevi non ti appartenesse, e non ho potuto non pensare a te giusto oggi, quando ho sentito un collega informatico raccontarci della moto nuova, appena acquistata, e delle sue mirabolanti avventure da motociclista. Non ho potuto non pensare a te, e nella mia testa si è formata la tua voce, cristallina e perentoria: «Noi motociclisti? Anche io so tenere un compasso in mano, ma non per questo mi definisco geometra!»
Grazie, Milla, per averci regalato con l'Eretista la tua accusa ad un mondo in cui tutti si ritengono capaci di fare tutto, al punto che ho ancora davanti a me i tuoi occhi stupefatti di fronte al prodigio di una michetta fatta ad Arte dal tuo panettiere di fiducia. Grazie, Milla, per continuare a lottare per quel Domani in cui credi, quel Domani che cerca di sottrarti la massa di hobbisti contro cui quotidianamente ti scagli, con cervantiana memoria. Grazie, Milla, per la purezza che.
Ti scrivo queste poche righe dal baricentro di una settimana che scorre parallela ai giorni che ci separano, quando ci ritroveremo ancora con due beck's in mano a raccontarci di come i conigli sulla luna abbiano segnato il destino di troppi.
Con immutato affetto,

Pascàl


P.S. Potifar, dal suo cuscino caldo e posizionato sul bracciolo destro del divano, emette strane fusa ogni volta che apro la porta del frigorifero. Ho come l'impressione che mi derida, ma non so quanto tu gli abbia raccontato dei miei trascorsi. Forse, dopotutto, anche lui sente solo la mancanza della tua Voce.

Fonte: http://www.pazuzu.it/post.asp?ID=1817

Daniele Assereto
ChiaraDaino.it © 2011

RECENSIONI

L
Massimo Sannelli
AL PUBBLICO NEMICO
Roberta Robertah
DUDELEI [MUSICA DA STRAPAZZO]
Massimo Sannelli
SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Giacomo Parretti
Giuseppe Vuolo I
Giuseppe Vuolo II
Heiko H. Caimi [ENG]
Heiko H. Caimi [ITA]
Jacopo Riccardi
Massimo Sannelli
Ugo Polli
L
Daniele Assereto
Flavio Santi
Giorgio Panci I
Giorgio Panci II
Giuseppe Vuolo
Lucetta Frisa
Marco Ercolani
LUPUS METALLORUM
Jacopo Riccardi
METALLI COMMEDIA
Alberto Mori
Daniele Assereto
Enzo Campi
Francesco Sasso
Max 1334
Stefano Guglielmin
VIRUS 71
Daniele Assereto
Enzo Campi
Francesco Marotta
LA MERCA
Adriano Padua
Adriano Padua
Chiara De Luca
Claudio Bocchi
Cristina Babino
Daniele Assereto
Elena Ricciardi
Enrica Musio
Giuseppe Vuolo
Leela Marampudi
Marco Ercolani
Nunzio Festa
Rossano Astremo
Vincenzo D'Alessio