Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Novità



26 Aprile 2015 26 Aprile 2015 - IL LETTORE DI PROFESSIONE

IL LETTORE DI PROFESSIONE

RiTratto di Dama [Opera fuori catalogo, biro nera e rossa] di Milena Bocchiola



«Vado a farmi il cielo».
Una piccola frase in chiusura di un paragrafo, oppure un micro-paragrafo a sé stante. Un’espressione semplice (aperta a interpretazione vagamente complessa – e malpensante) che va oltre il senso della stessa (e delle parole), esortando ad agire più che a riflettere.
La scrittura di Chiara Daino appare così ai miei occhi: limpida nel suo essere [creativo – inteso, essenzialmente, nel senso di fase di creazione] ricercata. Follia? Non credo. E proprio perché si tratta di parole che si fanno sentire; e per il lettore è questo ciò che conta. Che per la costruzione di una frase sia stato necessario uno sforzo di pochi secondi, oppure di ore, oppure di giorni, che si sia voluto andare a scavare in un qualche mito greco o accadimento storico, o proporre un riferimento alla cultura cosiddetta pop, cosa (o quanto) può importare/interessare al lettore? Il lettore dovrebbe essere stimolato a provare una sensazione di caldo o di freddo da quella frase. Il suo piacere dovrebbe essere quello di abbandonarsi a essa, senza lasciarsi imbrigliare da un vuoto significato che non ha nulla da narrare. Che poi riferimenti/citazioni e termini sconosciuti possano far scattare la molla per addentrarsi in una qualche forma di ricerca personale ben venga, ma non è quello il fine.

Che la scrittura di Daino nasca da riflessioni/perversioni contorte che non sfociano in trame lineari da seguire è vero? Può darsi di sì e può darsi di no. Ma il suo mostrarsi nuda e cruda in versi e in prosa, in giochi di parole e in incastri di accenti non è cervellotico e non è filosofico (e direi anche che è ben poco ermetico, anzi). È un’esortazione a esprimersi e vivere. Io lettore non dovrei soffermarmi sulla comprensione di un testo (specie quando – come nel mio caso – non ho gli strumenti adatti per farlo), ma lasciarmi soltanto guidare dalla direzione che intraprendono i segni. Io lettore non dovrei preoccuparmi di pensare cosa abbia pensato l’autore nel momento in cui ha scritto, oppure (peggio ancora) pensare di comprendere l’autore.

A me lettore deve interessare solo capire se mi piace o meno ciò che sto leggendo. E io ho scoperto che leggere Daino mi piace, anche nei passaggi di cui non apprezzo il contenuto, anche nei passaggi che mi risultano più indecifrabili [per ignoranza personale – che non mi va di colmare], perché sono di fronte a una scrittura scalpitante e palpitante.

E si ritorna al cielo, sì, perché (come dicevo all’inizio) l’andarsi a fare il cielo è un’incitazione al non essere passivi: è un invito a farsi il proprio cielo. Perché il cielo sopra Daino è lo stesso cielo sopra ognuno di noi, ma un cielo nero può essere affrontato come fosse, se non proprio limpido e solare, quantomeno diverso, quando si sa cosa si ha intenzione di fare, quando si sa come riuscire a essere veri.

Giuseppe Vuolo

Share/Save/Bookmark


Nome
Email
Testo


ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

26 Aprile 2015
IL LETTORE DI PROFESSIONE


3 Aprile 2015
LA TRILOGIA


29 Marzo 2015
FHTAGN


21 Marzo 2015
GIORNATA MONDIALE DEL RAGNO


18 Marzo 2015
STATISTICHE E SONDAGGI


Vedi tutti...