Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Novità



8 Dicembre 2013 8 Dicembre 2013 - DAMA ON AIR

DAMA ON AIR

Domenica 8 dicembre, Chiara Daino sarà ospite in diretta telefonica su PuntoRadioFM [città futura, frequenze 91.1 e 91.6].

Sarà possibile seguire la trasmissione in streaming su www.puntoradio.fm dalle ore 21:45.

È disponibile il podcast della puntata su Mixcloud.com





[Punto Radio]: Bene, siamo in diretta con Chiara Daino! Pronto?
[Dama Daino]: Eccola!
Eccola! Ciao Chiara!
Saluti a Voi, ringraziandoVi sempre...
Sì: grazie a te, hai una voce squillante bellissima, guarda... Perché Chiara è anche una cantante...
Bene, siamo in diretta con Chiara Daino! Pronto?
Eccola!
Eccola! Ciao Chiara!
Saluti a Voi, ringraziandoVi sempre...
Sì: grazie a te, hai una voce squillante bellissima, guarda... Perché Chiara è anche una cantante...
Un'Artista poliedrica. Come la introduci, come la definiamo, come la cataloghiamo?
È un prisma di sonorità, diciamo, perché lei utilizza la voce in maniera trasversale, no? Ha pubblicato anche tanti romanzi e tante raccolte di Poesia, ma fondamentalmente è una poetessa, possiamo dire che è una poetessa, Chiara Daino.
Va beh, insultatemi subito e la facciamo finita...
Ehehehe, ti insultiamo...
Ma qual è, diciamo, la disciplina predominante?
L'Umanità. Vi è piaciuta questa risposta puttana?
Aaah, e quindi non possiamo dir più niente, ora.
No, l'Umanità, l'Umanità... Dipende che Umanità...
Qua hai alienato tutti i nostri istinti!
Hehehe!
Non possiamo più dire nulla. No, però ricordiamo che tra le pubblicazioni di Chiara Daino c'è Siamo Soli [morirò a Parigi], L'Eretista, Metalli Commedia, La Merca...
È anche teatrante devo dire, eh, aggiungo.
Storie di cibo racconti di vita, e su questo ci fermeremo un attimo, perché io sono un counselor, no diciamo non ancora...
Aspetta, perché qualcuno mi sta dicendo delle "cose brutte" che mi dice solo il mio webmaster?
Quadernario 25 poeti d'oggi, Labyrinthi, e poi hai anche lavorato, diciamo, hai collaborato con Lello Voce e con lo Slam Poetry, e questo ci fa molto piacere perché proprio l'altra volta...
Perché mi indichi, scusa?
Per farmi ricordare, perché io ho bevuto troppe birre per ricordarmi...
Ah, non lo dire in diretta, scusami!
Cheers! Cheers!
Non si dicono certe cosa in diretta, scusami!
Se Dio ha inventato il grano...
Eh, e quindi?
Il grano, il malto e il luppolo esistono in natura, quindi viva la birra!
Certo, infatti stamattina quando sono andato a correre sudavo luppolo! L'ho raccolto con la bottiglietta di vetro, ho raccolto tutta la birra, così almeno non spendo soldi la sera successiva, e vado a correre per digerirla...
Non ce ne frega niente, dài spazio a Chiara, scusami.
Diamo spazio a Chiara!
No, ditemi di Lello! Tra l'altro, a proposito di Slam, ci tengo perché mi hanno sverginata [perché oggi è il giorno dell'Immacolata e mi sembra anche giusto dirlo] come eMCee [Master of Ceremonies]...
Certo!
Prima tra le donne, perché vi risulta che ci sia stato un eMCee di sesso femminile? Siamo umani...
Non ti risulta che ci sia mai stato?
No, più che umani siamo umaschi, fino a poco fa.
Hehehe, siamo tutti bipedi fino a prova contraria, vero?
Mammiferi bipedi!
Però tra i bipedi generalmente l'eMCee è sempre stato maschio...
Certo!
Sì!
E quindi sono molto orgogliosa di essere stata sverginata da Ombretta Diaferia, come eMCee con gonadi e utero.
Stiamo bene: sverginata, utero, qui stiamo allargando il campo...
Però ringraziamo Lello che mi ha portato nel fantastico mondo degli Slam!
Salutiamo Lello Voce che è stato nostro ospite due settimane fa se non sbaglio...
Salutiamo Lello Voce! Ciao Lello!
È stata una bellissima intervista e... Niente, lo salutiamo! Ciao Lello!
Ciao Lello!
Volevo chiederti: il tuo fare, il tuo modo di fare Heavy Metal, come può sposarsi con la Poesia molto classicista e molto da Musica leggera italiana?
Ottimo. Voi avete problemi di censura?
No, assolutamente. Cioè una che parte così però già io mi sto legando alla sedia...
No, scusatemi. Le mie ultime interviste prevedevano questa censura ma "volgare eloquio: amalo" come diceva Pasolini, buon Pier, è che per me l'Artista deve sposare cazzi e carmina, in altri termini l'alto-basso di Lévi-Strauss o per i nostri ascoltatori che si staranno già facendo venire un'orchite, quello che sostengono gli Iron Maiden, perché non dimentichiamo che Bruce Dickinson vanta tre lauree.
Certo, esatto! Sì!
Per cui per me, essendo anche nota psicopatica, non esiste una differenza tra Tertulliano e gli Slayer, si sposano perfettamente, non credete anche voi?
Siamo tutti bipedi, e si ritorna lì!
A proposito degli Slayer, io volevo chiederti: cosa ne pensi del reality show di Ozzy Osbourne?
Tutto il male possibile.
No, davvero? A me piace vedere questo Ozzy che vagola...
Così invecchiato, che diventa pop...
No no no! Tutto il male possibile perché Ozzy è - bisnonno Ozzy, nessuno deve toccarci Ozzy ma purtroppo, e sarò fine, "...tira più di un carro di buoi" e diciamo che Sharon gli ha dissipato un patrimonio e lui continua a lavorare per le bizze di una donna rifatta e che deve fare la novella grandeur e ha due figli che, con tutto l'amore del mondo... Eh, un genio non deve avere figli, ecco.
Ah bene, allora sono un genio! Ahahah!
Noi ci vogliamo bene a Ozzy, tanto! Però: sei Ozzy!
E quindi è la Yoko Ono di MTV, diciamo.
Va beh, non insultiamo Yoko Ono, perché veramente Sharon ha creato anche altri reality: c'era quello con le giovani donne che a voi piacciono tanto, e vestite da collegiali, dove lei giudicava lo stile. Ora: stiamo parlando di Sharon...
Sì.
Ecco, però funziona! Del resto, in Italia vantiamo un reality sugli scrittori. Chiniamo le testa e beviamo! E ubriachiamoci! Cioè, è giusto!
Allora alziamola, se la chiniamo è difficile bere...
Comunque, a parte l'ubriachezza, io leggo che il Quadernario 25 poeti d'oggi, Lietocolle edizioni, ospita anche Chiara Daino, e non credo che tu abbia imposto questo modo di fare così anarchico.
No no, io ho avuto anche paura, e ho detto "ma siete sicuri? Ma io veramente mi facevo i cazzi miei... Tranquilla..."
Quindi, cos'è per te la Poesia oggi?
Ahahah!
Domanda aperta, qui, eh!
No, domanda perfida! Ecco, per me la Poesia oggi è esattamente come l'Amore e la Matematica oggi: si confondono troppo spesso messaggi e messaggeri.
Sì.
Eeeh, v'è piaciuto?
Sì, diciamo che si confonde...
E ci includerei anche la Religione.
Più che altro si confonde il simbolico e l'immaginario.
No, bucolico con tutto il rispetto lo dirà a Gödel!
Ha detto simbolico, non bucolico! Hehehe! È un po' bucolico ma ha detto simbolico!
Io non vi sento, perché io avrò una grande voce, ma vi sento lontani, come Eco e Narciso!
E siamo lontani, tu sei a Genova adesso, dove sei?
Io sono a casa, dove volete che sia? No, però la Poesia oggi è un atto, se i poeti vogliono semplicemente guardarsi il loro divino ombelico, sono problemi loro, però la Poesia è un atto costituito da versi. Ora, questo lo diceva già Montale - che non è che io ami molto peraltro -, però: che differenza esiste tra un Bruce Dickinson e un Tarchetti?
Ma io credo che invece la Poesia non sia proprio un genere letterario, non sia assolutamente un genere, sia uno spasmo...
Ma non è un genere, fìdati, sono dei degenerati e dei debosciati perché ormai è "andare a capo"! Cioè, tu vai a capo, anche tu... Ah, posso darVi del Tu, scusate?
Certo! Assolutamente!
Bernardo, posso darLe del Tu?
Ahahah, ci stiamo dando del tu già dall'inizio!
Bernardo, se lei va a capo, lei è un poeta!
Ah ecco. Vado a capo.
E il problema è che il '900 ha fatto 'sto casino! Non è che se uno "va a capo" e "incolonna a sinistra" è un poeta! Cazzo, prima conosci la metrica se ti regge l'anapesto, - brutto stronzo! -, poi decidi di usare il verso libero e allora sostituisci alla metrica le forme di suono e quindi torni nel canto. Ma se tu non conosci la metrica prima, non la puoi distruggere...
Va beh, ma questo è quello che si può dire anche della pittura, no?
Di tutto!
Il grande Picasso era un ritrattista...
Prima dipingi bene una mela!
Scusate, ma essendo un appassionato di Lacan, io credo che la Poesia sia come il motto di spirito...
Grande!
... E quindi in qualche modo sia solo un gioco di parole metaforico e metonimico che dipenda anche dall'epoca in cui si vive. Però io voglio farti leggere le cose che tu m'hai mandato, e quindi ti do lo spazio.
Da dove parto?
Da dove parti? Dal 20 febbraio 1967, dai "pensieri di ragno nei corpi dal sapore di sperma antico".
Grazie caro, che tu - ovviamente - e tutti gli ascoltatori, avranno intuìto il titolo. È vero che ora lo dici a tutti gli ascoltatori?
Certo!
Perché si intitola 20 febbraio 1967?
Eh, non lo so...
Come non lo sai, hai appena detto sì!
No, non lo so, ma dillo tu!
Ahahah! Vi adoro!
Infatti mi sono chiesto "ma perché 1967? Sarà Jimi Hendrix? Sarà qualche personaggio della musica?"
Bravo... Che non è Jimi Hendrix... Ci sei vicino, ed è sempre nel Club dei 27. Chi c'è nel Club dei 27?
Eeeh... Jim Morrison! No?
Vai! Più recente, sono nata nell'81, santo cielo, più recente!
Amy Winehouse?
Ma dài, non così recente!
Eh... I Nirvana? No, i Nirvana no...
Kurt! Santo cielo!
Kurt Cobain, ah ok! Kurt Cobain.

...Questo è un parere mio, però la dedico come augurio, alle generazioni future, di ricordare quando nasce un Artista, perché sono stufa di celebrare la morte... Quando ricorre l'anniversario della morte! Ma celebriamo la nascita!
Certo!
L'Italia è sempre così deprimente, depressa, e morta...
Ma nooo!
Cazzo, ricordiamo quando è nato! Perché tanto un Artista è immortale, ed è per questo che ho scelto la data di nascita.
Grande! Vai! Leggici subito!
Eh, sì, ma è breve, forza e coraggio!
Hehehe!

20 FEBBRAIO 1967

pensieri di ragno nei corpi
al sapore di sperma antico
vomito d’incenso la chiesa

è nella culla della carne
la molla cancrena del dubbio
abbi cura di chi non parla

nel come narcoma pretende.
ti chiedo solo se ricordi
quali letti sporcavi mentre
quel miele tramontò nel rosso?
è meno caldo di un bicchiere

tanto tu sprecavi parole
quando per piacere del buco
l’intarsio del cranio dipinse

di nero che goccia quel muro
è un paradiso di scuse
le parole che non ti deve

E invece...
Un applauso, dài!
Grazie, grazie, sono commossa! Questa la dedico, - aspetta che l'ho promessa -, a Laura Lovecats che è, praticamente, online e sintonizzata dalle otto, povera crista, che è una grande cantante.
Ahahah, salutiamola allora!
Ho finito anche questa, dimmi tutto!
Allora, Metalli Commedia, così, Canto primo, versi 1-21...
Sì... Guarda come siete preparati...
No, c'è tutto scritto, eheheh!
Eh lo so, tesoro, dài: fai finta!
Ma scusa, siamo in radio...
No, per favore!
Hehehe!
Allora, Metalli Commedia...
Metalli Commedia. Leggo o vuoi introdurlo? O non ce ne frega un cazzo?
Metalli Commedia è Thauma edizioni, tra l'altro noi abbiamo intervistato il Bortolotti.
Uhuhuh, e siete sopravvissuti?
Ahahah, abbastanza!
Perché? È bravo il Bortolotti!
Bravi ragazzi! Ho dell'assenzio di Marilyn Manson che mi hanno regalato, se vi serve...
Ahahah!
O la vodka di Lemmy, ditemi voi...
No, allora, preferiamo la lettura di Metalli Commedia, Chiara Daino per noi a Punto Radio Cascina delle 22:17 dell'8 dicembre della disimmacolata.
Eh, sì, sarò seria allora. Per tutti [adesso ti faccio anche la voce da 144] per tutti gli ascoltatori di Punto Radio: Metalli Commedia, dedicato a chi insiste e resiste.

METALLI COMMEDIA

Nel mezzo del gran sol di Satriani
mi ritrovai per caso tra poeti
che non vi so dir le lagne immani

né lo girar di gonadi per vieti
ch’imposer alla di me mia scrittura
di ferro – in quel mollo di profeti.

Ahi quanto maledir esta uggia pura
esta massa massiva d’arroganza
che sol nel rum ne vinsi la lordura:

tanto pedanti lator di mattanza,
come pandemici untori d’empiastro,
sono l’Infame Colonna ch’avanza...

Così rievocando lo Manzo mastro
con gran scasso, la terra lo scatarra
«Ecce Lisandro!» e il dice disastro:

«Viva lo Renzo e la nota zimarra!
Memento mori, voi bruti borchiati!
Taccia Tommi Iommi l’atra chitarra!

Per Classici ch’avete martoriati
in settenari sarete puniti:
studenti a vita e disoccupati!».

Brava! Bravissima!
M'è piaciuto quel "studenti a vita e disoccupati"!
Eh? Vero?
Mi ci sono riconosciuto, guarda, proprio... Sei una grande, Chiara, io ti vorrei conoscere dal vivo!
Ma io lo spero! Tra l'altro, adoro la vostra regione! Guarda che brava che non faccio casini tra fiorentini e pisani... Ahahah!
Aspetta, ma io ho un altro... Un'altra pagina, di Lupus Metallorum...
Sì?
Dedicata, sicuramente ai Judas Priest, "L'amore lacera"... Allora io pretendo che tu la legga in stile classico e leggermente barocco con un sottofondo blacksabbathiano, ecco!
Ce l'ho!
Tesoro, guarda, ho avuto un insegnante di teatro che mi intimava "fammela più viola"!
Ahahah, in che senso, scusa?
Che cazzo ne so! Mi diceva "l'espressione non è abbastanza viola", cioè... Tu HAI PRESENTE?
Aaah, l'espressione!
Ok, detta così...
Quindi, cercherò di mischiare Marini [Marino Marini... Diciamo: un omonimo], Giambattista Marino [interpolazione del webmaster per cause legali in corso], Battiato, e... Chi altro ti piace, mi sono persa un'indicazione perché voglio fartela bene, io voglio farvi godere, quindi dimmi di cosa hai bisogno, uomo!
Non lo ricordo... Ho detto Black Sabbath mi dice lui... Ma non ricordo, effettivamente, quello che ho detto ultimamente.
E sono pronta!
Vai!

L'AMORE LACERA

se in salvo la mano
è al caldo [ toccala ]
è: quando giungo
è: quando sguscio

scivolo nella nebbia a stento senti il suono
accordo baci come malefici e a pieni palmi

l’amore lacera: un colpo di coda illune
è nella tua stanza, nel sonno assoluto
nel dove sei steso, sicuro [ sono serpe
verso di te – mi muovo: spira e nodo ]

ancora scendo premo le tue labbra
ti trapasso e ti piego: il tuo sorriso
è come ti bevo... sorso dopo sorso

ora sei mio...– e ti tiro a filo
gusto a pelo il tuo legno vivo
e domino – la tua anima trita

tu ti agiti angelo in gemiti gentili
l’aria lasciva: nel lamento si leva

la notte secca, il rosso spuma
l’amore ti mastica, ti invita
e si tributa: ogni ora – tarda

l’amore si eccita e ti delizia,
munge, ti succhia alla goccia

è un piago di carne l’amore
l’hai inteso – a prima vista:
avresti adorato la mia razzia

dal primo morso, dal mio...
primo pasto [ da quel quando:
nessun ritorno nel tempo per te ]

e adesso: VIENI...

nella mia cupida morsa
io scateno – ogni ora
torno a tendere lacci
torno al mio – divoro

la notte/ è fossa/ di denti

Geniale! Grande!
Uao! Qui gli spettatori a casa sono in fremito, devo dire!
Grazie, grazie, dedicatemi tutte le venute che io non mi sconvolgo!
Cioè, un'ode alla pompa in maniera...
È sempre "un lavoro di Lingua"... Parliamone!
No, a parte tutto, la difficolta del poeta di parlare di cose truci e carnali in maniera non volgare, perché non c'è una sola parola che rimandi alla volgarità e al pornografico... È tutto erotico, ma più che erotico è metafisico: è la" METAFISICA DELLA POMPA", ecco, la definirei in questo modo!
Grazie caro, vedo che tu apprezzi, ti manderò qualcosa di mio! Il problema è che i "popoeti", come li chiamo io, perché sono proprio "popoeti", hanno - o Isabella Santacroce o "l'Alda" Merini... Non ne usciamo!
Ascolta, "l'Alda" Merini... Ma "l'Alda" Merini io un po' la ammiro, perché lavorando con quel tipo di persone lì un po' la ammiro perché... Insomma, è folle, quindi... Era folle... La Isabella Santacroce sono d'accordo con te in quanto CarmelaBenizza la sua versione di...
No no no, "NON MISCHIAMO LA SETA CON GLI STRACCI", non mi toccate Carmelo che divento una iena, eh!
Okay!
Perché Benigni è una storpiatura di Bene, l'ho già detto così mi becco un'altra denuncia, tanto una più una meno, però...
Ahahahah!
Però chissenefrega! No, il problema è che i cosiddetti "popoeti" sono seriosi ma non serii, per questo non si avvicinano e non sono letti, per questo la Poesia non vende!
Eh, perché non vende?
Eh! Perché si fanno... Aspetta che cerco un termine giusto per la radio... Mutue fellatio. Vi piace?
Ahahah, certo!
E si genuflettono sul proprio ombelico credendosi D'Annunzio, che peraltro si tolse due costole per questa pratica, però... È inutile che "ce la cantiamo e ce la suoniamo" tra di noi! Andiamo a parlare con gli altri! Portiamo la Poesia trasversalmente! I miei libri sono acquistati non da poeti, non da letterati, bensì informatici, nerd, matematici [Vi amo tutti!], donne, donne di cinquant'anni incazzate come delle iene... Perché bisogna essere serii - ma non seriosi. E dai panettieri, perché sanno che per me il panettiere è dio.
Certo...
Io voglio dirlo: il panettiere è dio! Perché un essere che mischia farina, lievito, acqua...
Ascolti, Carmela Bene, ora fermiamoci un attimo...
Scusi. Mi dica. Mi dica. È il più grande complimento del mondo. Mi dica. Sì. Mi taccio.
L'ultima domanda e poi chiudiamo questa bellissima intervista: eh, facci una domanda tu!
Oh, sì! Ah, che meraviglia!
La fai a Bernardo però, eh! Che è un Informatico!
Io sono un nerd informatico!
Sei un nerd! Aaaah, allora siamo a posto! Sei pronto?
Yes!
Quanto c'è di booleano nel tuo creare un programma radio e intervistare scrittori? E quanta Crittografia ritrovi nel sistema binario?
Allora... Ahahah! Premetto che diciamo che mi spoglio dei panni dell'Informatico e mi vesto da Artista per fare questo programma...
La seconda parte della domanda però è bella, eh!
... Perché con l'Algebra booleana - purtroppo o fortunatamente -, non so come dirlo, il computer risponde a delle logiche piuttosto booleane, quindi io sono per la "fuzzy logic", non so se la conosci, che è quella che è alla base del linguaggio LISP della robotica, cioè dove si può dire "sì/no" ma anche "forse", o "perché no" o "perché sì", quindi diciamo che...
Quindi tu mi sconfessi così il binario?!?
Eccerto, il sistema binario è troppo rigido per noi esseri umani, perché dobbiamo vedere anche le sfumature di grigio, non è per fare citazioni...
Sì, adesso "sfumature di grigio" non si può più usare, dopo che è uscita quella "belinata". Però... Diciamo... "Una quantità di mondi paralleli"!, mettiamola così! Siamo tutti "FIGLI DI Gödel", diciamolo(!), siamo quelli che - rompono il cazzo a tutte le altre regole, dài!
Esatto! L'Informatica non è Poesia! Quindi dobbiamo adattarci con i linguaggi ad alto livello, quindi...
Ti consiglierei Tritemio, perché Tritemio è Poesia, che tra l'altro ha influenzato Nostradamus, ma è alla base della Crittografia su cui si basano tutti i pixel, quindi - in realtà - che "l'Informatica non sia Poesia"... Parliamone! Perché etimologicamente...
No no no, aspetta, non Informatica in senso lato, Informatica intesa come sistema binario, poi è chiaro che nella programmazione possiamo introdurre, come nel linguaggio della robotica appunto, delle situazioni...
Ma tu ce l'hai il disco rigido?
Eh?
Tu ce l'hai il disco rigido?
Ce l'ho sì, il disco rigido! AHAHAH! Il cosiddetto hard-disk, eh?
Okay, insomma questa è stata l'intervista più hard che abbia mai fatto da che sono qui in Punto Radio!
AHAHAH! Harder than hell! Io Vi ringrazio, spero di vedervi presto de visu, e trattare di tutto e magari vederci insieme "The Big Bang Theory"!
Ottimo, quando vieni in Toscana dalle nostre parti, per qualcosa...
In maniera quantica, soprattutto!
Esatto! Tesori... Se io vengo venite anche voi, eh...
E certo! Noi veniamo sempre, guarda!
AHAHAH!
Bene, ricordiamo: chiaradaino.it per chi volesse conoscere meglio e gustare la Tua genialità e la Tua Arte!
E un applauso a queste anime che veramente sono i nostri giardinieri, quindi: a casa fate un applauso a chi comunque continua a lottare contro chi uccide e non riconosce la vera Arte dell'Italia!
Bene, grazie!
Ciao Chiara!

Bene, che dire? Sicuramente un personaggio pieno di iniziative, sicuramente molto brava, quindi Vi consiglio di nuovo di seguire il Suo sito, chiaradaino.it, e andiamo avanti con la musica. Non so se è ancora in linea, Gianluca...
No, non è in linea.
Non è più in linea. La Poesia mi ha creato qualche scompenso...

Share/Save/Bookmark


Nome
Email
Testo


ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

8 Dicembre 2013
DAMA ON AIR


27 Novembre 2013
DAMA A VARESE


15/18 Ottobre 2013
GRUPPO 63 RISCRITTURE


14 Settembre 2013
LA BELLEZZA @ STANZA DELLA POESIA


29 Agosto 2013
SIAMO SOLI, SAVONESI


Vedi tutti...