Lucetta Frisa
ULTIME PUBBLICAZIONI
CRONACHE DI ESTINZIONI
Puntoacapo
2020
FURTO D'ANIMA
Greco & Greco
2018
NICOLAS DE STAËL - TUTTO DEVE ACCADERE DENTRO DI ME
iquadernidiviadelvento
2018
DIARIO DOPPIO
Robin
2017
NELL’INTIMO DEL MONDO
Puntoacapo
2016
Opera



Siamo appena figure (GED, 2003)

La tempesta
Giorgione, Gallerie dell’Accademia, Venezia

Il mio presente è una scena:
case vuote piante dipinte
attendono gli uomini e il vento.
C’è un ponte che lega le rive
Come il tempo rivela
Uno sguardo ad un altro.
Vaga nell’aria il mio se non approda
a una luce di donna, se una guerra
o una grande chimera non lo afferra:
solo allora il paesaggio, avanzando dal fondo,
si disincanterà, il disordine
trapasserà la grazia immobile dei gesti –
e sognerò un altro sogno.


Santa Maria Egiziaca
Tintoretto, Scuola di San Rocco, Venezia

Calmo e chiaro è il libro e io sono sola con lui
mentre fremiti d’alberi e ombre si insinuano
tra abiti e pagine e sento
la seta del foglio e dei riccioli sciolti sulla tempia.
Dove sono?
Nella casa sicura del libro o in questa ardente
inquietudine se
tutto brucia bisbiglia d’oro e di rosso se
questa luce strana entra nella mia carne
e non posso più leggere: se ora
i confini si disfano senza interrogarsi.


Teatro della luce
A Adonis

Sogna - lei ordina al suo corpo
che contiene ombra e luce -
sogna quello che non sai,
quello che sai dimenticalo.
E si gira su un fianco
le palpebre cominciano a tremare
per una folla di scene lente e bisbigli
di labbra appena mosse da un senso.
Ad ogni tremito passano i secoli.
Quanto dura l’assenza?
Ritornano pezzi di figure, forse
dita sulla fronte, freddo.
Sente gli occhi smarrirsi
nella materia del sogno: è ombra
invasa da un soffio
che va stordita verso l`altra metà della luce.

Quando fu pesce anfibio rettile uccello?
In quale pausa si annida l`estasi?
Nella materia, lampi di un altro mondo:
te ne andrai via – l’avvisano – sii pronta.
Lei torna indietro per le vie del sonno.
Dopo c`è solo un passo: poi saprà?

Veglia le sue immagini che l’ombra
le riporta dalle ombre -
Se sogna potrà leggere se stessa.

Nascono tenere le cose.
Da un grembo vanno verso
un grembo.
Luce
stretta
tra due ombre.

Libertà non c`è né elevazione;
la terra sta tra le sue sbarre.
Solo il sogno è respiro.

Si parlano parole parlate da altri
si sognano sogni di altri
i morti vegliano
i vivi per poter parlare.
Limite non c`è tra uomini e astri?
Sotto un cielo mortale
il greve pensiero ottico sembra lieve
se si sogna.

Sfila la luce
nel suo scorrere
come il serpente la pelle.
Il sogno si è conficcato nel midollo
lei sente il calore raggiungere l’osso:
agiterà le immagini
e il flusso delle idee.
Col viso raggrinzito, gli uomini adulti
non hanno scherzi di luce sul collo.

Si cammina o si è fermi? Si ritorna o si va?
Non se lo chiede:
sogna.

Quali cavalle la porteranno sull`orlo delle cose
a sud o a nord del giorno e della notte
rotolando liete nel nulla?
Se capire è essere
privi di vera sapienza sono viaggio e fine
e poi di colpo
un sipario?
Molte domande sospingono
la sua indivisa scrittura.
Per una parola
più flessuosa delle altre
qualcosa sembra fare cenno.

Tra la palpebra e il sonno
come un’onda frenata sta la luce
e non sta.

È lei che sogna
il giorno e la notte.
E giorno e notte sono
i sogni
impigliati fra rétina e nuca.

La luce la legge sul fondo
mentre scrive
la affida al polso emozionato
sale alle labbra
cade assopita sul foglio:
è un bagliore
la poesia.

Le cose non si possono aprire né dire
limpidamente come profezia.
Materia opaca negli spazi mortali
materia sempre scossa
il sogno -
luceombra girovaga.

Cielo e cervello si riflettono
in fiori e figure d’altre lingue
perché il doppio di ogni mistero
è capovolgere il vuoto.

Se sogna l’argilla
sente umida luce prendere forma e fiato,
l’asciutta screpolare le sillabe
la troppo veloce farsi polvere.
Se sogna
può accogliere ogni figura
e ciò che le disfa.
Che altra luce uscirà da questa polvere
a seminare nelle radici secche
la divina meraviglia?

Che altro sogno
si sognerà dopo questo?

Fiato
fiato nel vuoto
talvolta riprende da capo un racconto
che tutto vuole raccogliere e portare con sé
poi si fa frase tremante in gola
balbettìo

Lei non sa da quale punto di sé sta sognando
in quale stanza della casa
in quale tana millenaria
chissà dove ha iniziato quel sogno
che scrive mentre si cancella.



Torna alla Pagina Principale...
ChiaraDaino.it © 2013