Marco Ercolani
ULTIME PUBBLICAZIONI
FUOCHI COMPLICI
Il Leggio Libreria editrice
2019
GALASSIE PARALLELE
Il Canneto Editore
2019
LE MURA INTORNO
La Biblioteca di Rebstein
2019
FURTO D'ANIMA
Greco & Greco
2018
L’ARCHETIPO DELLA PAROLA. RENÉ CHAR E PAUL CELAN
Carteggi letterari edizioni
2018
Opera



PARLANO (Valerio Magrelli)



PARLANO

C`è intorno una tale quiete che quasi si può udire
il tintinnare di un cucchiaino che cade in Finlandia

(I. Brodskij)


Ma perché sempre dietro la mia parete?
Sempre dietro, le voci, sempre
quando scende la notte iniziano
a parlare, latrano o addirittura credono
che sussurrare sia meglio. Mentre mi sento
questo filo d`aria fredda delle loro parole
che mi gela, che mi lega
e mi tormenta nel sonno.
Sempre dietro la mia parete. Ero
ai confini del circolo polare, e anche laggiù
una coppia piangeva nella sua stanza
oltre un muro trasparente, piangeva,
luminoso, tenero come la membrana
di un timpano, e io stavo lì vibrando
facevo da cassa armonica
alla loro storia. Fino a che, a casa mia,
hanno rifatto il tetto, le tubature,
la facciata, tutto, e battevano
ovunque, sopra, sotto, e battevano sempre
chiacchierando tra loro solo quando dormivo,
solo perché dormivo,
solo perché facessi da cassa armonica
alle loro storie.


A CAPO


Andiamo nella neve fresca
adesso,
adesso scivoliamo ma
curvare
in questa nuvola di luce e d`aria
fresca
ma curvare è difficile
curvare.


S. Eustorgio

a Antonio Porta


Ora non ricordo il nome della chiesa
ma so che dava su una distesa,
un prato rovinato, e sotto,
diramandosi fino sotto il prato,
stava la cripta. Diramandosi,
l`albero di Jeffe o l`ostensorio,
un mozzo sepolto, araldico,
radiante (se "radiante" è il punto
della volta celeste da cui sembrano
divergere le traiettorie tracciate
dagli sciami di stelle cadenti).
Sostavamo parlando accanto all`asse
di quella cripta, cripto-perno
di un organo rotante.
Perché questa è la città,
sciame di stelle cadenti,
alveare astronomico.
"Si dovrebbe sempre partire da qui",
mi spiegava.


Lezione di metrica


Un pettine d`acciaio fila
le note, sfila
una musica dolce di zucchero
filato. Come un incantatore
di serpenti incantato
mi ipnotizza la lingua
del suono che si srotola
mentre i denti di ferro,
il rosario di uncini,
strappano questa carne
da scortico, e sbranato
sta il cuore di chi ascolta.
Qui suonano il mio cuore!
Vezzo e lezzo. Rotto l`involucro
con la ballerina, il carillon si arresta
perché il cattivo gusto
è il suo buon guscio armonico,
l`astuccio per la perla
matta della leziosità. Notte.
Il violino di Frankenstein mi chiama.

E io sono quel mostro musicale
condannato alla ruota musicale
della sua musicale nostalgia.







"Ero su un letto di ambulatorio"



Ero su un letto di ambulatorio,

nascosto dietro un paravento.

"Antigone", "Sì", "Sei qui?", "Sì, qui".

Le vertebre, le vertebre.

E iniziano a discorrere tra loro,

due vecchi, due voci di vecchi.

Perché una voce invecchia,

anche nel suono sta l`osso del tempo

anche nel fiato. Soffiavano, e c`era

dentro un`eco di se stessa,

un`eco che precedeva la pronuncia.

Qualcosa di scassato, il midollo

sfilato dalla spina dorsale e

sguainato come una spada luccicante

voce-carcassa

vertebra della voce.








Torna alla Pagina Principale...
ChiaraDaino.it © 2013